Corsair annuncia Flash Drives 3.0 ad alta capacità e prestazione

Le Flash Voyager GS sono unità USB 3.0 ad alta capacità e ad alte prestazioni  alloggiate in eleganti custodie in metallo spazzolato, resistente ai graffi.

FV_GS_hero

 

Disponibili in taglia di 64, 128 e 256 GB di capacità, le unità sfruttano appieno l’alta velocità delle interfacce USB 3.0 raggiungendo una velocità fino a 285 MB/s in lettura e 180 MB/s in scrittura, mentre fornisce una retrocompatibilità completa delle USB 2.0 per i sistemi più vecchi.

 

Le loro custodie in metallo spazzolato possono resistere ai graffi, alle impronte delle dita e possono essere collegate ad un portachiavi. Come tutte le unità flash Corsair, le Flash Voyager GS sono compatibili con Windows, Mac OS X e Linux, senza installazione del driver necessario.

11a

Le Flash Voyager Mini USB 3.0 sono minuscole unità flash USB con la stessa teconologia USB 3.0, l’interfaccia in questione consente una velocità di trasferimento dei file drammaticamente più veloce rispetto all’ USB 2.0, garantendo nello stesso momento la massima compatibilità con USB 2.0.

FV_MINI3_A

A soli 1.25″ (32 mm) di lunghezza e dotate di un anello portachiavi rimovibile, le unità Flash Voyager Mini USB 3.0 sono convenienti e facile da portare ovunque.

I drives sono alloggiati in una custodia in metallo spazzolato sottile, elegante e resistente che protegge i dati e resiste all’usura.

11b

Le Flash Voyager LS  sono drives USB 3.0 ad alte prestazioni con un design retrattile garantendo una protezione per i loro connettori USB eleminando la necessità di un cappuccio di protezione.

FV_LS_135degrees

 

Sono abbastanza piccole da attaccare al portachiavi e sono pienamente retrocompatibile con USB 2.0.

Il loro accattivante design in metallo spazzolato resiste ai graffi e impronte delle dita: queste   unità sono disponi  bili in 16 GB, 32 GB, 64 GB e 128 GB di capacità.

11c

Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Leggi anche...

Altri Post