Yahoo! compra l’app Summly per 30 milioni di dollari

Commenti

L’applicazione per iPhone chiamata Summly è stata venduta a Yahoo! per una somma di 30 milioni di dollari. E fin qui non ci sarebbe niente di strano dato che la compra-vendita di startup e di software da parte dei colossi americani è quasi all’ordine del giorno.

Il particolare straordinario di questa storia è che l’autore del contenuto è il diciasettenne Nick D’Aloisio. Uno dei minorenni self-made ora più ricchi al mondo, che per altro ha ideato e realizzato l’applicazione quando aveva appena 15 anni.

L’app permette di ottenere brevi riassunti delle news online dai principali portali di informazione e la tecnologia che nasconde sarà integrata nel motore di ricerca guidato da Marissa Mayer.

Yahoo! compra lapp Summly per 30 milioni di dollari

Potrebbe essere un’idea geniale e rivoluzionaria, potrebbe essere una mossa anche un po’ di marketing per far parlare di sé o potrebbe risolversi in un niente di fatto. C’è però da applaudire al coraggio della bella Marissa Mayer: il nuovo numero uno di Yahoo! (ex Google) ha infatti deciso di investire 30 milioni di dollari per rilevare da Nick D’Aloisio le tecnologie, gli algoritmi e tutto ciò che il giovanissimo sviluppatore ha pensato e poi messo in pratica per far funzionare correttamente l’idea.

Il giovanissimo britannico mentre era impegnato in un compito di ricerca per la scuola e stava perdendo troppo tempo a sondare e analizzare le fonti ebbe un’idea: “Perché non esiste una tecnologia che prende contenuti desiderati da fondi autorevoli e li riassume in pillole più digeribili e  direttamente sullo smartphone?“.

Così ha realizzato l’app per iPhone chiamata Summly che effettua una sinossi di contenuti e li adatta allo schermo del cellulare. È così ben funzionante che ha ricevuto anche un premio nel 2012 come una delle migliori app su App Store.

 

Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo