Windows XP prossimo al pensionamento

Commenti

Manca solo un anno al pensionamento di Windows XP. Quello che per molti è stato il migliore sistema operativo Microsoft, e ancora oggi uno tra i più diffusi in assoluto, resterà infatti senza supporto ufficiale a partire dal sette aprile 2014.

Mancano soltanto 364 giorni, scaduti i quali Microsoft non aggiornerà più Windows XP, e offrirà supporto specifico solo a chi vorrà pagarselo: secondo la società di ricerca Gartner questo “servizio speciale” costerà parecchio, e quindi non saranno in molti a sceglierlo.

Windows XP ha ormai (quasi) dodici anni, che sono un’eternità per un sistema operativo. Nel frattempo Microsoft ha pubblicato Windows Vista, 7 ed 8 quindi le alternative non mancano di certo.

Windows XP prossimo al pensionamento

Di certo XP ha goduto di una longevità che pochi altri sistemi operativi possono vantare: l’ultimo Service Pack, il pacchetto di aggiornamenti cumulativo, fu il terzo e risale al 2008, ben sette anni dopo la prima uscita. All’epoca XP era installato su oltre l’80% di tutti i computer del mondo, ancora oggi vanta una diffusione tra il 21% e il 37%.

In qualche modo, inoltre, Windows XP resterà un’opzione possibile fino al 2020, anno in cui Microsoft smetterà di supportare Windows 7: e dato che con quest’ultima versione di Windows è incluso il downgrade a XP, ecco che questa vecchia gloria potrebbe restare in circolazione ancora molto a lungo anche senza supporto ufficiale.

Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo