Akasa al Computex 2013

Commenti

Akasa ha mostrato al Computex 2013 ben due case, un dissipatore ed infine un PSU.

Come dissipatore ha mostrato il Venom IV, il dispositivo di raffreddamento è dotato di un design formato da alette in alluminio sfruttando una forma asimmetrica per dissipare meglio il calore, accompagnato da heatpipes in rame da 6mm per dissipare il calore in modo più uniforme.

Akasa al Computex 2013

 

Il dissipatore è equipaggaito con una ventola da 120 mm ed una base che supporta tutti i moderni tipi di socket della CPU, tra cui, LGA115x, LGA1366, LGA2011, AM3 + / AM3, e FM2/FM1.

Oltre al dissipatore abbiamo citato una nuova serie di PSU targata Akasa debuttata al Computex 2013: la linea CobraPower di PSU modulari.

Akasa al Computex 2013

 

Disponibili con capacità di fascia media come 650W, 750W, 850W, questi alimentatori offrono l’ 82% di efficienza (senza valutazione 80 Plus ), cablaggio parzialmente modulare con cavi piatti, APFC e una grande ventola da 135 mm, i cavi di alimentazione da 24 pin ATX e i 4+4 EPS sono fissi, mentre quelli PCI-e, molex e SATA sono modulari.

I due case presentati al Computex da Akasa sono: il Newton NUC e il Galileo.

Il primo è un case fanless che ha fatto il suo debutto con il Galileo, nel lontano marzo; è stato ufficialmente svelato al Computex, in tre finiture in metallo spazzolato nero e quelli argento ed oro in alluminio anodizzato.

Come la maggior parte degli altri 4 “x 4” case NUC, il corpo del Newton funge anche da dissipatore per la CPU.

Akasa al Computex 2013

 

I case saranno disponibili in varianti che supportano il connettore D33217GKE e D33217CK.

Per quanto riguarda il Galileo, anch’esso come già detto, in primo luogo è emerso a marzo, utilizza poco più di un terzo del suo corpo come un discreto dissipatore che è separato dal resto del case, e riceve il calore dalla CPU.

Akasa al Computex 2013

 

Nel suo scomparto principale, c’è abbastanza spazio per un sistema mini-ITX sottile, il case è dotato di supporti VESA  e si presenta con un’ alimentazione esterna di  120W o 180W. Realizzato in alluminio, il Galileo sarà disponibile nelle finiture in metallo spazzolato nero e argento.

Ringraziamo Techpowerup.com per le relative foto.

Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo