WhatsApp fake sul PlayStore: scaricato da 1 milione di utenti Android

A quanto pare il PlayStore non sembra essere il marketplace più sicuro in circolazione, magari in molti lo sanno già… altri invece no. Infatti quest’ultimi sicuramente dovranno stare un po’ più attenti alle apps che si vanno a scaricano dallo store di applicazioni di Google visto che circa un milione di utenti hanno avuto a che fare con Update WhatsApp Messenger, un’applicazione che sembrava WhatsApp ma non lo era affatto.

È stata proprio la nomenclatura dell’app fake a “fregare” un numero molto alto di utenti ignari, che magari l’hanno scaricata pensando si trattasse di un aggiornamento per la popolare app di messaggistica.

Sembrava anche che l’applicazione fasulla fosse stata sviluppata da WhatsApp Inc., la vera compagnia dietro l’app originale, ma così non era. Secondo alcuni utenti su Reddit l’app falsa conteneva pubblicità ed aveva la capacità di scaricare ulteriore software sullo smartphone del malcapitato. Chiunque ci sia dietro questa truffa ha cercato in tutti i modi per mascherarla, usando lo stesso nome dell’originale, aggiungendo “Update”: l’unica differenza è la sostituzione di uno spazio alla fine del nome “WhatsApp Inc.” con un carattere speciale che sembra semplicemente spazio bianco, invisibile agli utenti. Come si nota dall’immagine le differenze sono davvero minime.

WhatsApp fake sul PlayStore: scaricato da 1 milione di utenti Android

La subdola differenza è stata quindi impercettibile per l’utente medio, chiaramente gli utenti che hanno l’app originale e ricevono i soliti aggiornamenti non sono assolutamente affetti da questo problema, non avendo scaricato la versione fasulla.

Non è la prima volta che accade, è questo la dice lunga sulla sicurezza del PlayStore rispetto a quello dell’azienda di Cupertino.

Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall’età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l’hardware e l’overclock di essi.
Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l’impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica.
Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Leggi anche...

Altri Post