ASRock Fatal1ty Z97X Killer/3.1 | Recensione

Nessun commento

Di seguito, le features della scheda madre, ulteriori informazioni sono consultabili in versione integrale sul sito ufficiale del produttore (ASRock): ASRock Fatal1ty Z97X Killer/3.1 | Recensione La Fatal1Ty Z97X Killer/3.1 è una mainboard basata su chipset Z97, con supporto a CPU Socket 1150 classe 4/5th Generazione Intel Core Xeon/i7/i5/i3/Pentium/Celeron. Gli slot di memoria consentono l’installazione, inoltre, fino a 32GB di memoria, con una frequenza massima di 3200 MHz. È supportato, inoltre, lo standard DDR3L per le memorie da 1.35v con consumi ridotti. La differenza rispetto alle altre mainboard è la possibilità di aver porte USB 3.1 di ultima generazione. Capace di portare le prestazioni teoriche a 10 Gbps (1250 MB/s), l’ultima versione dell’Universal Serial Bus è predisposto su questa scheda madre tramite un connettore di tipo A ed uno di tipo C grazie alla scheda Add-in inclusa nel bundle. Per il resto, le specifiche rimangono inalterate rispetto alla Z97X Killer “liscia”.

Il verdetto di ReHWolution

ASRock Fatal1Ty Z97X Killer/3.1

"Una scheda orientata a chi vuole tutto sulla propria mainboard: la ASRock Fatal1Ty Z97X Killer/3.1 ha la soluzione in tutto. Dal supporto ad una vasta lista di CPU, alla possibilità di montare Ram a 3200 MHz, ai connettori M.2 o USB 3.1 con una velocità di ben 10GB/s."

Pro

  • USB 3.1 (10 Gbps di velocità)
  • Colori molto accesi e tamarra al punto giusto
  • Supporto a tutte le CPU 1150, comprese le Broadwell

Contro

  • Prezzo elevato per la versione con USB 3.1
  • Nessun Debug Monitor
  • Nessun tasto accensione/spegnimento o reset sulla Mainboard

Breakdown

  • 100%
Francesco Faiano

Autore

Francesco Faiano

Francesco Faiano, da molti conosciuto come Ciccio290, da molti anni ha una passione per i PC che l’hanno portato a imparare tante cose su di essi e a maneggiarne sempre di più. Le parole chiave per un PC? Eleganza ed unicità. La sua visione dell’informatica lo ha spinto a buttarsi nel modding più sfrenato, grazie al quale alcune delle sue “opere” sono state esposte in fiere dedicate al gaming e all’informatica. Uno degli svalvolati presenti sul canale di YouTube, con l’amore smodato per Bioshock, in particolare Infinite.

Commenti su questa Recensione