Nanoxia Deep Silence 5 Rev. B | Recensione

Nessun commento

Nanoxia Deep Silence 5 Rev. B | Recensione

Nanoxia, per coloro che assemblano computer da più di 10 anni, è un marchio famosissimo per le sue ventole FX, che riuscivano incredibilmente a combinare estetica e prestazioni. Dalla prima serie di ventole verdi e nere, schema cromatico emblema dell’azienda così come il beige-marrone per un’altra azienda di origine austriaca, il brand ha fatto passi da gigante, espandendo il proprio reame in un altro settore: i cabinets.Nanoxia Deep Silence 5 Rev. B | Recensione

Dopo la prima serie di chassis denominati Deep Silence, Nanoxia ha voluto effettuare un refresh su tutti e 6 i modelli della lineup, indicandoli quindi con la nomenclatura “Rev. B”. Quest’oggi, nel banco di prova, la versione meno “pompata” del DP 6 (qui la recensione completa), il Deep Silence 5 Rev. B nella colorazione Dark Black. Buona lettura!

Il verdetto di ReHWolution

Nanoxia Deep Silence 5 Rev. B

"Il Deep Silence 5 ci ha sorprendentemente stupiti per le linee spartane ma eleganti e per l'alta qualità costruttiva; tante poi le soluzioni tecniche offerte, che spaziano dall'ordine fino al silenzio, profondo silenzio!"

Pro

  • Alta qualità dei materiali
  • Sistema cable management impeccabile
  • Mastodontico
  • Bundle ricco
  • Ventole, ventole ovunque

Contro

  • Mancanza di un copri PSU
  • Il top supporta solo radiatori slim

Breakdown

  • Voto finale 100%
Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall’età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l’hardware e l’overclock di essi.
Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l’impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica.
Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Commenti su questa Recensione