Come sparisce una startup Eth col messaggio “Pene”

Tutto bene: hai la grana, investi in una società di Ethereum per nuovi gettoni di criptocoins, e dopo qualche giorno spariscono col “Bottino” lasciando nel loro sito la scritta “Pene”. Sembra clickbait, semra inventato, ma è quello che è realmente successo con la startup Ethereum chiamata Prodeum, che pare scomparsa dal web a fine gennaio dopo aver raccolto un “malloppo” di ben 11 dollari da un crowdsale. E poi ha lasciato sulla sua homepage: “penis”.

Prodeum è almeno la seconda startup di Ethereum che scompare dopo aver raccolto del denaro in un Initial Coin Offerings (ICO),  come Confido che però riuscì a sgranocchiarsi ben 374.000 dollari.

L’intento di Prodeum, secondo una versione cache della sua pagina web , era tracciare la filiera delle verdure utilizzando la Blockchain, un libro mastro decentralizzato nel cuore di Ethereum e altre criptovalute come Bitcoin.

Pic from Motherboard

Ancora nel mistero però, la scelta della scritta “Penis” sulla home, in quanto avendo raccolto solo 11$, non è stato certo un colpaccio da poter dire “Vi abbiamo fregato”, anche se la società inizialmente aveva intenzione di raccogliere 5.400 Ether, ovvero $ 6,5 milioni. Il sospetto che fosse un troll c’era, ma il sito Prodeum era abbastanza elaborato da suggerire una vera cura e impegno nel progetto.

Tutte le tracce di Prodeum, sono state cancellate da internet e la sua homepage ora reindirizza a un account Twitter anonimo. Darius Rugevicius, Vytautas Kaseta e Mario Pazos erano tutti elencati come membri del team o consulenti sulla pagina di raccolta fondi di TokenDesk per Prodeum. Mentre i falsi fondatori sono un tratto comune tra le startup di criptovalute discutibili , Rugevicius, Kaseta e Pazos lavorano tutti con startup blockchain. Tutti e tre hanno espresso preoccupazione al Business Insider, dicendo che la truffa di Prodeum potrebbe avere un impatto negativo sulla loro reputazione.

Gabriele Atzeni

Autore

Gabriele Atzeni

Sin da bambino appassionato di elettronica e PC, ha smontato il suo primo PC nel 1990 per poi litigare coi vari gestori di negozi di spare parts perchè non avevano il pezzo che diceva lui, dimostrandosi precocemente precisino e rompiscatole. Sportivo, amante delle freddure e se avete bisogno di supporto morale è la persona giusta. Nel supporto immorale poi, non teme confronti.

Leggi anche...

Altri Post