Microsoft Rewards sbarca in Italia: premi per chi usa Store e Bing

Microsoft ha deciso (finalmente, n.d.r) di premiare la fedeltà a chi utilizza il suo motore di ricerca o per chi fa acquisti sullo Store. Microsoft Reward non è una novità assoluta, perché in Francia e Regno Unito è già disponibile da diversi mesi, senza contare poi gli Stati Uniti dove il servizio a premi del colosso di Sunnyvale è disponibile ormai da anni.

Si tratta quindi di una sorta di programma fedeltà, che consente di accumulare punti utilizzando i servizi Microsoft e di spenderli per ottenere premi di svariata natura. Le ricompense vanno dai buoni per il Windows o l’Xbox Store, ad abbonamenti Xbox Live Gold o Xbox Game Pass, a giochi e film, passando per la partecipazione a concorsi con in palio Xbox One X o Surface Pro.

Per guadagnare punti è sufficiente utilizzare Bing, partecipare a sondaggi o effettuare acquisti nell’ecosistema Microsoft (qui maggiori dettagli), ma prima occorre registrarsi a questo link. Ovviamente, però, avere un account Microsoft è un requisito imprescindibile (anche per le ricerche con Bing, in realtà: bisogna aver effettuato il login).

A quanto pare la registrazione è facile e indolore, ma sembra che il programma sia ancora nelle sue fasi embrionali: non tutto funziona perfettamente, molti sondaggi proposti non sono ancora disponibili in italiano, così come non è ancora disponibile al download l’estensione Microsoft Rewards per Edge.

Più che lancio vero e proprio, sembra una sorte di beta testing. Comunque sia, si tratta di un’altra mossa strategica intelligente della società americana per spingere gli utenti a utilizzare i propri servizi: la possibilità di ottenere dei premi sicuramente spingerà qualcuno a dare a Bing una seconda occasione.

Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall'età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l'hardware e l'overclock di essi. Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l'impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica. Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Leggi anche...

Altri Post