Naughty Dog svela tantissimi dettagli su The Last of Us Part II

Dopo la comparsa sul palcoscenico dell’E3 mandando tutti in visibilio con un un video gameplay, Naughty Dog svela innumerevoli dettali su The Last of Us Part II.  

Il gameplay è stato notevolmente ampliato e la parola d’ordine sarà “tensione”. Il team di sviluppo, secondo quanto dichiarato, ha lavorato con l’obiettivo di rendere Ellie più connessa con l’ambiente, permettendole di interagire in modo più realistico e umano. Il mondo di gioco sarà minaccioso e non esiste luogo in cui Ellie sarà al sicuro.

Evoluzione anche in campo dell’intelligenza artificiale: i nemici utilizzeranno lo stesso sistema di animazione di Ellie, non si percepiranno differenze, si comporteranno come fossero persone reali, saranno più pericolosi e si chiameranno per nome. Il Sistema di combattimento, le meccaniche stealth e il crafting sono stati portati ad un livello di profondità successivo rispetto a quanto visto nel passato, di conseguenza garantiranno svariate possibilità offrendo un’esperienza completamente inedita.

Il combattimento è stato completamente rinnovato, prevede molte tipologie di approccio rendendo l”intera esperienza creativa e diversificata. Si potrà schivare e questa è una parte fondamentale degli scontri corpo a corpo e si potranno sfruttare le superfici per attaccare. Il team di sviluppo definisce inoltre la componente stealth come “analogica” in quanto Ellie non sarà mai completamente nascosta: tutto dipenderà infatti dagli elementi con cui si interagirà. Si potrà saltare e l’azione aprirà le porte ad un gameplay più verticalizzato.

Torneranno anche gli Infetti con nuove classi e minacceranno sia Ellie che i suoi nemici. La struttura generale sarà lineare ma il mondo di gioco sarà davvero grande e i giocatori avranno più libertà di movimento. Non mancherà inoltre la modalità multiplayer: Naughty Dog ha infatti svelato di essere al lavoro per includere l’online e sarà presente anche la modalità Fazioni.

Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall'età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l'hardware e l'overclock di essi. Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l'impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica. Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Leggi anche...

Altri Post