Cougar presenta Gemini X, il primo doppio-case da quasi 1000 euro

Commenti

Cougar, in occasione del Computex 2018, ha presentato il nuovo Gemini X, l’ultimo case gaming dall’azienda taiwanese destinato agli amanti del modding, ma anche e soprattutto a chi cerca un case che possa ospitare due sistemi contemporaneamente. Si tratta di una soluzione piuttosto originale, ma con questo chassis l’azienda ha pensato a quegli utenti che, accanto alla propria postazione gaming, utilizzano una seconda macchina per streaming, hosting o altre applicazioni, evitando così di inficiarne le prestazioni.

Entrando nei dettagli, il Cougar Gemini X è un case dual-towerpuò ospitare una scheda madre ATX standard e, nel secondo scompartouna scheda mini-ITX (con alimentatore SFX) per un eventuale PC a basso consumo per le applicazioni comuni. Costruito in alluminio (3mm di spessore), il Gemini X può essere installato sia in orizzontale che in verticale; i pannelli laterali utilizzano vetro temperato da 5mm e permettono di mettere in mostra la componentistica, con o senza retroilluminazione RGB.

Lo chassis misura complessivamente 423 x 635 x 525 millimetri, mentre per quanto riguarda il peso l’azienda al momento non ha fornito dettagli. La torre “primaria” supporta radiatori fino a 240mm, 8 slot di espansione PCI, schede grafiche da 350mm e 5 ventole da 120 mm; il pannello I/O invece offre USB 3.1 Gen2 Type-C, due USB3.0 e audio in/out.

La torre secondaria ha un pannello I/O indipendente con la stessa capacità di espansione, ospita il reparto storage (fino a 8 dischi) e permette di installare due periferiche PCI aggiuntive. Al momento Cougar non ha reso noti i dettagli sulla disponibilità del Gemini X, per il prezzo invece si parla di ben 900 dollari.

 

Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall'età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l'hardware e l'overclock di essi. Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l'impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica. Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo