PSP su PS4? Si, grazie all’emulatore PSPHD

Commenti

Lo scorso 4 aprile su PS4 fu rilasciato Parappa the Rapper Remastered, la versione ri-masterizzata del gioco originale editato sulla prima PlayStation nel lontano 1997.

Fin qui nulla di nuovo, direte: oggi, però, il titolo musicale sviluppato da Masaya Matsuura sta generando molto scalpore grazie a un noto team di hacker. Studiando in modo accurato il file d’installazione, questi ultimi sembrano infatti aver scoperto che il gioco per PS4, in realtà, è una semplice ISO che gira tramite un emulatore di PSP, in grado di sostituire le texture originali con quelle in alta risoluzione durante l’esecuzione del gioco.

La scoperta ha dato il via ad una serie di esperimenti che si sono concretizzati in un vero e proprio emulatore, chiamato ufficiosamente PSPHD, capace di far girare altri titoli per PSP su PlayStation 4.

Una volta inserite altre ISO al posto di quella di Parappa è possibile ad esempio giocare a Loco Roco, Patapon e Namco Museum sull’ultima console Sony o, ancora, eseguire app di test per i kit di sviluppo PSP.

Purtroppo il PSPHD non è disponibile per il download pubblico e, stando a queste prime informazioni, l’emulatore non garantirebbe neppure una compatibilità completa. Il limite di dimensione del file incorporato (Parappa the Rapper pesa infatti appena 880 MB) rischia poi di complicare ulteriormente l’utilizzo di questo acerbo programma di emulazione.

Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall'età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l'hardware e l'overclock di essi. Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l'impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica. Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo