Giada da inizio alle spedizioni del sistema Barebone compatto e universale: Il D300

Commenti

25 marzo 2013 a Shenzhen, Cina – Giada Technology,  produttore di fama mondiale di PC desktop compatti, ha annunciato il lancio del sistema compatto Barebone :  D300.

La famiglia D300 è basata sulla 3 ° generazione di processori Intel .

I sistemi D300 sono progettati per soluzioni assemblate domestiche o per tutti gli usi, PC unici compatti e sistemi multimediali con una vasta gamma di applicazioni.

Inoltre, supportano il TPM (Trusted Platform Module ), che fornisce un’ ampia protezione ad alti livelli di crittografia dei dati, questa tecnologia appena citata consente l’utilizzo di sistemi basati su D300 in varie applicazioni in reparti IT delle grandi imprese.

 

Il sistema D300 è ideale anche per applicazioni di controllo industriale, sistemi intelligenti di controllo del traffico, sistemi di sicurezza e sorveglianza, terminali commerciali e altre applicazioni simili che necessitano piccole dimensioni, vasta scelta di interfacce, ma una gran semplicità e affidabilità d’uso.
Dotato di dimensioni ultra-compatte:  solo 236 millimetri x 182 millimetri x 50mm, il D300 targato Giada offre prestazioni senza precedenti grazie all’ Intel HM77 Express, che si estende ad un’ottima compatibilità con la 3 ° generazione Intel Core:  i3, i5, i7 e con un TDP di solo 35W. Il sistema di raffreddamento è dotato di una ventola di controllo intelligente.
Il barebone Giada D300 è dotato di due slot SO-DIMM, che consentono l’installazione di un massimo di 16 GB di RAM DDR3 a 1333/1600 MHz.

Giada da inizio alle spedizioni del sistema Barebone compatto e universale: Il D300

 

La scheda madre dispone inoltre di due slot Mini-PCIe, che consentono l’utilizzo di periferiche supplementari (1 x mSATA SSD, 1 x PCIe / USB). Il canale audio 5,1 si basa sul codec ALC662 e possiede sono due porte Gigabit Ethernet. All’interno del sistema consente l’installazione di un’unità SATA 2,5 pollici.

Il Giada D300 è dotato di un modulo Wi-Fi per supportare gli standard di rete 802.11b/g/n. Inoltre, un utente può collegare un’interfaccia wireless Bluetooth e una porta IR per utilizzare un telecomando (opzionale).
Gli sviluppatori si sono presi cura nel fornire una gamma completa di interfacce moderne e caratteristiche per un funzionamento molto conveniente se il sistema è assemblato per uso domestico, ufficio o industriale. Ad esempio, il pannello frontale del D300 possiede caratteristiche analogiche  per collegare microfoni e cuffie, due connettori USB 3.0 e due porte COM seriali che sono ancora abbastanza comuni negli IPC di oggi. Per i connettori COM basterà utilizzare una vasta gamma di dispositivi esterni (una versione D300 è disponibile anche senza porte COM). Il pannello posteriore del sistema dispone di tre connettori jack audio e due porte RJ45 LAN, quattro USB 2.0, due connettori PS / 2, un connettore per un alimentatore esterno da 12V, e infine porte DVI-I, VGA e HDMI.

Giada da inizio alle spedizioni del sistema Barebone compatto e universale: Il D300

Le interfacce interne includono una porta GPIO, un connettore TPM, una porta SATA con connettore di alimentazione, tre porte COM e una porta USB 3.0.
Grazie al meccanismo di fissaggio VESA Mount, gli utenti possono godere di flessibilità di installazione e comfort di utilizzo.

Ad esempio, il D300 può essere facilmente fissato sul retro di un monitor o televisore.
Il sistema Barebone Giada D300 è dotato inoltre di un EFI BIOS Phoenix con un supporto per l’interfaccia ACPI. I sistemi sono pienamente compatibili con la maggior parte dei sistemi operativi più diffusi, tra cui Microsoft Windows XP, Windows 7, Windows 8, e Linux.
Le spedizioni di  questi sistemi sono attesi a breve. Per i prezzi, invece, dipenderà dal pacchettoscelto e saranno annunciati in seguito.
Per saperne di più su tutta la linea Giada di PC desktop compatti e schede madri è possibile visitare il sito ufficiale:  www.Giadatech.com


Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Leggi anche...

Altri Post

Commenti su questo articolo