Dissipatori Noctua per Threadripper – NH-U9, NH-U12S e NH-U14S TR4-SP3

Nessun commento

Già con Ryzen, Noctua ha affrontato il discorso dissipatori con una linea dedicata di heatsink in edizione AM4. Con Threadripper ed EPYC, adesso, l’azienda austriaca replica il successo con la gamma TR4-SP3 che, come lascia intendere il nome, è progettata specificamente per i nuovi processori basati sul socket LGA4094 dalle dimensioni mastodontiche e il calore generato di non poco conto.

Dissipatori Noctua per Threadripper   NH U9, NH U12S e NH U14S TR4 SP3

Dato il particolare nuovo socket (con relativo sistema di installazione),  Noctua ha però dovuto apportare significative modifiche ai propri dissipatori in “edizione speciale”, aumentando le dimensioni della coldplate (la piastra in rame che si occupa di trasferire il calore dal processore alle heatpipes, che poi porteranno il calore alle alette in alluminio, dove le ventole lo smaltiscono) fino a coprire interamente l’enorme IHS dei nuovi processori di AMD.

Dissipatori Noctua per Threadripper   NH U9, NH U12S e NH U14S TR4 SP3

Il risultato è una gamma di tre dissipatori, l’NH-U9 TR4-SP3, l’NH-U12S TR4-SP3 e l’NH-U14S TR4-SP3, tutti caratterizzati da un target preciso e da un livello prestazionale differente, in modo da adattarsi ad ogni esigenza di spazio, performance e budget.

Piuttosto che riempirvi di parole, preferiamo lasciare la parola alla nostra recensione. Buona lettura!

Il verdetto di ReHWolution

Dissipatori Noctua per Threadripper - NH-U9, NH-U12S e NH-U14S TR4-SP3

"Anche stavolta Noctua pensa ad AMD, con una linea di dissipatori dedicata ai processori Threadripper ed EPYC: la serie TR4-SP3."

Pro

  • Dissipatori silenziosi e performanti
  • Coldplate ridisegnata per i processori TR4 ed SP3
  • Bracket con offset per migliorare la compatibilità

Contro

  • Noctua NH-U14S non compatibile con tutte le schede madri

Breakdown

  • Noctua NH-U9 TR4-SP3 80%
  • Noctua NH-U12S TR4-SP3 100%
  • Noctua NH-U14S TR4-SP3 90%
Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui “misteriosamente” la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l’overclock.

Commenti su questa Recensione