ASRock Fatal1ty X470 Gaming K4

Nessun commento

Ad Aprile, AMD ha finalmente lanciato un refresh di Ryzen, denominato Ryzen 2, portando un lieve die shrink ed un nuovo chipset, X470, sulla piazza; in questo modo, ha proposto una soluzione alternativa alle nuove CPU di Intel, nome in codice Coffee Lake, con prezzi come sempre aggressivi e adatti ad ogni esigenza. Ovviamente, ASRock ha creato, intorno a questo chipset, un’intera lineup di schede madri, e oggi vi parliamo dell’incarnazione “Gaming” dii una delle soluzioni più economiche a disposizione dell’azienda: la Fatal1ty X470 Gaming K4, gemella della più economica X470 Master SLI, recensita anch’essa oggi.

La X470 Gaming K4 prende il posto della X370 Gaming X, che a sua volta aveva preso il posto proprio della X370 Gaming K4, e visto che ci avviciniamo alla soglia dei 200 €, andremo a vedere se i 20 € di differenza con la versione “non gaming” (la Master SLI, appunto) sono adeguati a quanto offerto o meno. Anche in questo caso, il design è stato completamente stravolto rispetto alla precedente generazione.

Come già anticipato, questa recensione va a “gemellarsi” con quella della Master SLI, visto che la Gaming K4 è una versione con più “flare” della Master SLI. A voi la lettura!

Il verdetto di ReHWolution

ASRock Fatal1ty X470 Gaming K4

"La ASRock X470 Gaming K4 è una scheda madre dal design aggressivo, dal supporto ad Addressable RGB e dal look completamente nuovo rispetto alle schede di generazione precedente."

Pro

  • Design rinnovato
  • Dissipatore su slot M.2
  • RGB ovunque e chip audio migliorato rispetto alla Master SLI

Contro

  • BIOS incasinato e povero in settaggi
  • Sezione di alimentazione che potrebbe risultare stretta per Ryzen 7 a clock elevati

Breakdown

  • Design, qualità costruttiva e software 90%
  • Performance 80%
  • Compatibilità e connettività 80%
  • Prezzo 90%
Ciro Sdino

Autore

Ciro Sdino

Direttore responsabile di ReHWolution, con la passione per qualsiasi cosa funzioni con un processore fin dal lontano 1995, anno in cui "misteriosamente" la sua CPU avviò un processo di fusione nucleare nel case. Da allora, con impegno e imparzialità analizza hardware e software di ogni tipo, con un occhio di riguardo per l'overclock.

Commenti su questa Recensione