Thermalright Macho Direct

Nessun commento

È Thermalright il primo nome che salta in mente quando pensiamo a sistemi di dissipazione ad aria per CPU, sia per l’età di questa casa sia per il livello di performance dei suoi prodotti. Sempre al top dal lontano 2002, anno in cui AMD ha rilasciato la sua prima generazione di Thunderbird, fornendo soluzioni di raffreddamento per tenere a bada alti voltaggi e calore prodotto, grazie a design innovativi, sia per CPU AMD sia per soluzioni Intel.

Nel tempo, abbiamo avuto a che fare con soluzioni griffati Thermalright, come la versione aggiornata del famoso Silver Arrow, da moltissimi anni punto di riferimento dell’air cooling, e dall’ottimo rapporto qualità/prezzo rappresentato dal Thermalright True Spirit 120M B/W insieme al Thermalright Macho Rev.A (BW).

Thermalright Macho DirectA  distanza di ben tre anni, ritorniamo con la versione aggiornata dell’ultimo citato, il pluripremiato Macho Direct, soluzione con un’interessante peculiarità sulla base associata ad una ventola da 140 mm. A seguire, la recensione completa.

Il verdetto di ReHWolution

Thermalright Macho Direct

"Il Thermalright Macho Direct è il dissipatore ideale per coloro che vogliono il massimo della resa senza spendere molto. "

Pro

  • Ventola silenziosa ad alti regimi
  • Design classico...
  • Bundle ricco
  • Qualità/prezzo ottimo

Contro

  • ...e anche troppo
  • Sistema di montaggio un po' troppo macchinoso

Breakdown

  • Design e qualità costruttiva 80%
  • Prestazioni 80%
  • Compatibilità 80%
  • Prezzo 90%
Francesco Bruno

Autore

Francesco Bruno

Francesco Bruno, appassionato di informatica dall’età di 14 anni. Da allora ha assimilato, con costanza, conoscenze ed esperienze riguardante in particolare l’hardware e l’overclock di essi.
Passione che negli ultimi anni si fonde con quella per la Grafica 3D, e con l’impiego di alcuni dei più noti programmi del settore gli hanno permesso di studiare in visualizzazione architettonica fotorealistica.
Dal 2013 su ReHWolution come newser e recensore di hardware, ruolo desiderato sin dal 2009, periodo in cui per la prima volta entra a far parte nel mondo delle comunità informatiche.

Commenti su questa Recensione